hit counter joomla

Ma che fine hanno fatto gli “uomini di una volta”? E le “donne di oggi” hanno ancora la pazienza di aspettare di “farsi conquistare”?

 

Sono capitata in questo blog (quasi) per caso e cosa mi ritrovo davanti? Una situazione analoga alla mia, almeno fino a ieri. In breve la mia storia è questa: compagni di classe al master, dai primissimi giorni sembra instaurarsi un rapporto quantomeno di stima, con frasi del genere “ma tu sei una spanna sopra le altre ragazze della classe, a quelle là se chiedi chi è Kant non ti sanno neanche rispondere, mentre tu leggi Kerouac, ascolti jazz, hai un sacco di interessi” e via di complimenti su quanto sono interessante e intelligente. Ovviamente il biondo ci sa fare e ha capito subito qual è il mio punto debole: mi piacciono i complimenti su quanto sono intelligente :D Usciamo insieme alcune volte, amici amici sempre amici, e come si sta bene a parlare con te… e poi faccio il primo errore: facciamo un aperitivo insieme, dopo andiamo a casa sua e io niente, sono amica, sempre amica, solo amica. Mi giustifico con me stessa dicendomi che “cavolo la donna sono io, voglio che lo faccia lui il primo passo” e le mie amiche, ovviamente “ma magari non l’ha capito che ti interessa!” E probabilmente avevano ragione. Nel frattempo allentiamo un po’ i rapporti ma, essendo compagni di classe, continuiamo a vederci tutti i giorni. Capitiamo per sorteggio nello stesso gruppo che doveva sviluppare un progetto e un giorno capita che lui, gesticolando, mi appoggi una mano sul seno. Io non mi sposto. Lui non si sposta. Più tardi si era davanti a un computer. Lui su una sedia, un nostro collega sulla sedia accanto e io in piedi dietro quest’ultimo appoggiata con il bacino alla spalliera della sedia. Lui allunga una mano sulla spalliera e si ripete pressoché la stessa scena di prima. Al momento di andare via io mi fermo a parlare al telefono e lui, che era già andato da un bel po’, torna indietro. Ci mettiamo a chiacchierare e “ma se devo restare qui con te a parlare del tempo, allora me ne vado” ovviamente io resto impalata come la volta precedente, sia mai che prendo una palla al balzo, mannaggia a me! Insomma, dopo questo episodio non siamo più nemmeno amici ma semplicemente compagni di classe che condividono solo la pausa pranzo. Arriva l’estate, passa l’estate, si torna a scuola. A pranzo insieme come tutti i giorni lui mi fa piedino. E poi sparisce. Io sempre più confusa. Finisce il master, non ci vediamo più, lui si trova la ragazza, io mi faccio la mia vita e a lui non ci penso più. Dopo quattro mesi torna a farsi sentire su Facebook, non spesso ma una/due volte la settimana, per ore. Alla fine viene a casa mia perché dovevo fargli vedere una chitarra, ci mettiamo a chiacchierare, come spesso accadeva, di sesso, ci tiene a farsi pubblicità su misure, prestazioni eccetera. Alle otto di sera io dovevo uscire “oh ma allora me ne devo andare anche io”, fa lui con l’aria dispiaciuta e gli occhi da cucciolo ma, bello mio, ho una vita, può non sembrare simpatico ma è così. Non cambia niente, continuiamo a sentirci, mi cerca lui, lo cerco io, tutto come al solito. Alla fine decido di chiarirmi una volta per tutte: lo invito a uscire. Mi dice sentiamoci e ci mettiamo d’accordo per il fine settimana. Mi faccio viva il sabato pomeriggio ventilandogli un massaggio che gli avevo promesso due giorni prima e lui non mi risponde. Ok non gli piaccio abbastanza, sarò arrogante e un milione di altre cose negative, ma… uff non si fa così. E con questa chiusura da bambina viziata, mi scuso per la lunghezza ed esco con le mie amiche!

Ciao! Benvenuta su Blog Cuore! Grazie per avermi scritto perche’ mi hai dato lo spunto giusti per affrontare un argomento che in questo momento potrebbe interessare a molti/molte ed e’ quello relativo all’evoluzione dei rapporti uomo donna e alla ridefinizione dei rispettivi ruoli.

Eh gia’ gente, i tempi sono davvero cambiati, adesso non e’ + l uomo quello deciso, quello che “non deve chiedere mai”  e la donna non aspetta + il principe azzurro, ma vuole andarselo a prendere.

Se le donne sono + aggressive, e’ anche vero che gli uomini sono meno determinati, anche perche’ adesso le donne fanno di tutto per spianare loro la strada nel baccaglio! Non intendo dire che ci stanno subito, ma se arrivano a sentirsi in colpa se non hanno fatto niente vuol dire che, rispetto a una volta, sentono il dovere di fare qualcosa!

Francamente cara amica, dubito che quello che hai fatto e non hai fatto possa essere definito un errore, non hai sbagliato niente, anche perche’ in questi casi (salvo eccezioni) e’ sempre molto relativo.

L’unica cosa che trapela dalle tue parole e’ relativa non tanto al tuo modo di fare quanto al tuo modo di porti: sembra un po’ troppo aggressivo, forse fossi stata + dolce, un po’ + accomodante e sto parlando semplicemente in termini di atteggiamento lui sarebbe stato meno bloccato.

Insomma che tu abbia una vita, cose da fare, interessi ecc…. puo’ tranquillamente convivere con il fatto che tu sia una ragazza gentile e dolce.

A volte si conofonde l’apparenza con la sostanza, i veri forti, le persone davvero sicure e convinte non sentono il bisogno di dimostrarlo costantemente attraverso un atteggiamento prepotente e arrogante. Tra l’altro la volta che dovevi redarguirlo e dirgli di stare calmo e cioe’ quando ha detto la frase sul “se parliamo del tempo me ne vado” nn mi pare t abbia risposto a dovere e un po’ se lo meritava, anche se….francamente non credo abbia fatto lo splendido perche’ e’ strz ma solo perche’ era in imbarazzo!

Sia chiaro che mi sto basando sulle tue poche parole e sto andando a cercare eventuali spunti di miglioramento per te visto che sono qui per aiutarti e fare il tuo bene.

Un altro consiglio che ti do e’ questo: smettile di dirti che hai sbagliato, perche” non e’ vero! L’orgoglio e’ un cattivo consigliere, la sicurezza in se stessi e’ invece molto + affidabile.

Non credo che sia certo che tu non gli piaci abbastanza, ma sono quasi certo che tu orgogliosa come sei alla fine non abbia fatto capire davvero cosa vuoi.

Sta a te scegliere se mostrarti sempre la forte della situazione o se mostrare quello che senti realmente e cioe’ che lui ti piace e che vorresti conoscerlo meglio.

Manifestare i tuoi sentimenti non ti rendera’ meno intelligente, meno forte, meno interessante ai suoi occhi ti rendera’ + coerente con te stessa e magari + felice.

In bocca al lupo!

  1. EsseEsse06-19-2012

    Ciao Mr. Seduzione, grazie per l’articolo dedicato. Il “pessimo soggetto” si è in effetti scusato per non essersi fatto sentire, sostenendo che “è un brutto periodo” ma, come in effetti mi aspettavo, non ha proposto un’alternativa al non esserci visti lo scorso fine settimana, né io ho intenzione di chiederglielo di nuovo. Sì lo so, l’orgoglio è una brutta cosa e l’atteggiamento arrogante (chiamiamolo con il suo nome) che assumo per coprire una timidezza di fondo non mi aiuta in questa situazione. Forse continuerà a cercarmi, forse no. Io ovviamente spero per la prima ipotesi, in caso contrario pazienza, il mare è pieno di pesci

    • redazioneredazione06-21-2012

      Anche oggi nell’articolo ho parlato di te! :)

Inserisci la tua storia o le tue domande.